Emmanuelle Sigal – Table Rase (Brutture Moderne)

Cancellare tutto, ripartire da zero, trasformare il tempo che passa in un qualcosa che non fa paura, in un qualcosa che resta, con leggerezza e disimpegno, attraverso l’uso di parole semplici che abbattono la consuetudine e si soffermano su ciò che è veramente importante e che ci riguarda da vicino. Il nuovo disco di Emmanuelle Sigal è un ripartire dagli inizi, grazie ad una musica soppesata e conturbante la nostra scivola sul velluto di un suono sempre in tiro e ben movimentato che abbraccia le consuetudine di una musica d’autore per passare ad un gipsy che salta nel carro del jazz e si installa fino a creare melodie, giochi di parole, rimandi con il passato davvero importanti e apprezzabili. Le nove tracce proposte sono lo specchio di una cantautrice in evoluzione che per l’occasione trova la collaborazione del chitarrista Marc Ribot in un sodalizio che ben si esprime in pezzi come Table Rase, Bless o Small Talk per un album che lascia il segno sin da subito e si appresta a valorizzarne il titolo grazie ad una freschezza esistenziale che a fatica trova eguali.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre…anche se qui ci si mette il cuore.
Recensiamo i Vostri Lavori.
Ascoltiamo tutto tranne ska, reggae, hip hop metal e derivati.
Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno.
Cerchiamo di recensire tutti i lavori che ci arrivano.
*** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTO con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento.
Contatti [email protected]
RECENSIAMO SOLO MATERIALE FISICO. L’indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.

Questa voce è stata pubblicata in Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.