DuValier – III (Autoproduzione)

imageQuesti giovani thienesi, provinciali di Vicenza, ci sanno davvero fare.

Solo 3 canzoni sporche, piene, dense di blues maledetto e rasserenamenti post aurora boreale in cui le sostanze si complicano per avvicinarsi ad un mondo in putrefazione e alterazione continua, un mondo di risorse da cui attingere i vuoti di una memoria senza tempo, un suono che è il racchiudersi di un’orchidea maledetta e rappresa al suolo dalla nera pece.

Un ep che parla di strade, donne, maturità e senso della vita che sprofonda in canzoni dalla matrice rock ’70 e perle in disillusione pronte a colpire, pronte a far sperare ancora.

Ecco allora che i toni post punk di M.A.D. si fanno distese infinite in Texas per finire con le chitarre di pura improvvisazione in Dallas ’63.

Una bella piccola, prova, matura ed eterogenea che si lascia alle spalle le ingenuità da prima band per approdare in territori più incisivi e completi in attesa di un vero e proprio full lenght.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.