I dei degli Olimpo – Uno (Autoproduzione)

Questo non è solo rock, ma piuttosto una convivenza esaltata dalla commistione di stili ed entità diverse che si fondono a dare inizio ad un disco che vede la giovane band proveniente dal Lago di Bracciano, estendere i propri territori inerpicandosi in mondi musicali circostanti di certo già battuti, ma nel contempo una band in grado di dare sempre e comunque un tocco di originalità a contenuti variabili e in divenire, sperimentando per l’appunto un rock blues che ben si sposa con il pop attuale e moderno, passando per ritmi più latini e arrivando a sfiorare la pesantezza di un metal sospeso alla ricerca della melodia giusta, del tono ammiccante e del risvolto adatto per una serata non troppo elegante, ma pronta a scatenarsi in pista al ritmo tribale di canzoni senza fine. La stoffa c’è e anche la capacità di dare un senso importante ai pensieri di fondo, la strada però è ancora in salita, non basta l’apertura davanti agli 80.000 del concerto di Ligabue, non basta, ma di certo è sicuramente un buon punto di partenza.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Indie Pop e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.