Day after rules – Innocence (Autoproduzione)

Il giorno dopo le regole sigilla una prova di coraggio che tocca ancora i fasti degli anni ’90 del punk rock dei Green day, degli Offspring e di tutto quel filone partito da lì e che ha invaso il pensiero degli adolescenti di quei tempi, tra voglia e bisogno di gridare la propria rabbia in contrapposizione costante agli altri generi che andavano per la maggiore.

I nostri con questo disco fanno capire di conoscere il territorio, di conoscere gli anfratti del tempo lasciato alle spalle e tutta questa energia indomabile è racchiusa in queste sette sporche, ruvide tracce; in un concentrato di follia che divaga nel nostro mondo a contatto con altri, dal sapore immediato, senza ingannare le apparenze, ma intascando l’effetto desiderato fin dall’inizio con Swamp per correre lungo i binari già conosciuti, ma solidamente interpretati nel raggiungere il finale lasciato a My innocence.

L’innocenza è il bambino dentro di me, in balia di ciò che verrà per un suono colmo e carico, diretto e che fa di questa immediatezza una carta vincente per questa band che ha saputo ridare al passato un amarcord meritato.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.