Clowns from other space – Zeng (BoleskineHouseRecords)

Vengono dallo spazio profondo, dalla storia di fine ’80 e inizi ’90, dove il grunge era ancora distante e dove l’uscita di scena della new wave portava l’ingegnosità e la scoperta di un rock fatto d’atmosfere crepuscolari, malinconiche e di sicuro effetto.

I nostri clowns hanno raccolto l’eredità del tempo e per l’occasione si vestono di nuova linfa facendo della loro musica un veicolo introspettivo che parla proprio di quei tempi andati incrociando fedelmente i primi U2, i The Smiths e i Radiohead di Pablo Honey in un eterno passaggio concentrico di luci e ombre, di possibilità mancate e di rabbia repressa pronta ad uscire e convogliare  in distorsioni che anticipano il post rock e le lisergiche gradazioni di colore che riempiono il nero che vive attorno a noi.

Un disco pieno e misterioso che si fa ascoltare più volte e forse per nostalgia verso quel mondo ricrea sentimenti di voracità e solitudine, di fame musicale e di costante ricerca di sovra strutture da interpretare costantemente, tra l’apertura di Shifted fino al finale obliquo e portentoso di Scenes, fatto di cambi di tempo e continue aperture, un album per nostalgici che si proietta egregiamente in questi anni aperti all’indefinito.

 

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Clowns from other space – Zeng (BoleskineHouseRecords)

  1. MadMax89 scrive:

    Davvero un gran bel disco, Wall of tzu su tutte. Indiepercui non sbaglia mai