Cadori – Cadori (Autoproduzione)

Finalmente un ragazzo che va oltre il cantautorato penoso e ripetitivo che rispecchia l’attualità dei premi Tenco, povero Tenco, e derivati.

Cadori regala emozioni e sembra quasi di ascoltare, per scelta di stile e arrangiamenti, quel Bon Iver a metà tra il For Emma e il successivo omonimo.

Arrangiamenti essenziali, solidi, che si intensificano con il passare delle canzoni.

Istantanee racchiuse da colori velati, seppia, una chitarra acustica che fa il suo dovere e un’elettronica non gridata, non disturbante, ma che ti abbraccia come un caldo manto invernale di lana, tra l’umidità dei vetri di un’auto che aspetta la nascita di un nuovo amore.

Pezzi come Countri 1 o la meditativa Fuori cadono fulmini sono sufficienti per riassumere un pensiero, una ragione per cui credere che tutto quello che ci sta attorno vale la pena di essere vissuto.

Notevole il cambio di stile in La brutta musica, una techno dal richiamo lontano che fa calar le luci in Tempeste di sole e chiudere il cerchio con Le cose.

Album riuscito, pieno di immagini di un crepuscolo lontano, che guarda al nuovo giorno con l’introspezione di chi solo sa regalare poesie che rimangono nella nostra mente.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Indie Pop, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.