Bruno and the souldiers – Nothing to lose (Autoproduzione)

Incrociatori sonori tra reggae e ska che regalano immaginifiche e vivide fotografie di colori che si estendono creando un ponte tra passato e futuro ingabbiando quattro pezzi che sentono il bisogno di libertà, di volere riappropriarsi di parte del proprio mondo per estendere gli orizzonti creati tra sezione ritmiche puntuali e buona capacità di scrittura che mescola le carte in tavola per dare alla proposta uno spaccato quotidiano ricco di vissuti e compressioni sonore per canzoni che si muovono bene in territori conosciuti, da Feeling of creation fino alla bellissima rivisitazione di Sunny Afternoon dei The Kinks per un disco capace di costruire speranze e sogni per il futuro grazie ad un comparto tecnico e strumentale invidiabile e grazie ad un’energia positiva, una vibrazione che si estende aldilà dei confini pre – costituiti e condivisi per un’autoproduzione sincera e generosa che abbandona i cliché del caso per consegnare agli ascoltatori un EP, in attesa di nuovi sviluppi, che prima di tutto è essenza mutevole in continua trasformazione.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in ska reggae e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.