This is not a brothel -This is not a brothel (Autoproduzione)

Questo non è un bordello, primo album omonimo dei This is not a brothel.

Un’incursione nell’Italia più cupa, poco serena, oscura dove il manipolo dei corpi e del potere si stagliano lungo mete che non hanno nessun traguardo, ma solo sogni che non lasciano più scampo, che non lasciano traboccare i fiori, ma si inerpicano nei pensieri più reconditi di noi poveri umani, per raggelare i cuori di chi, a stento, riesce a vivere tutti i giorni.

Bocche che si innalzano per mangiare corpi, fiori dalla sola parvenza che sono pronti a trasformarsi in materiale di decomposizione per generare semi di follia.

Un suono granitico, lacerante che incontra il grunge di Seattle all’indie rock di stampo newyorkese.

11 brani che ripercorrono un declino spaventoso, una musica non per tutti, una musica fatta di vibrazioni sospese tra un declino memorabile e una rinascita sperata.

Un gruppo questo, che al suo primo esordio, confeziona una prova convincete, sudata e inglobante.

Come barca in mezzo alla tempesta, come albero che scava nella terra, come l’uomo che smarrisce l’anima dentro al mondo.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.