BOB – All’ombra della vergogna (Autoproduzione)

Una copertina, oltre che bellissima, anche significativa, ci racconta il pensiero dei BOB, trio toscano che mescola sapientemente un cantautorato post duemila, al rock più cupo e sotterraneo per parlare di un mondo che sta crollando alla ricerca della felicità dispersa e mai più ritrovata.

I tre protagonisti della foto sono indaffarati a compiere il loro banchetto nel giorno di festa, ma non sanno che cosa li attende, che cosa il futuro ha riservato per loro.

Ecco allora che i BOB trasformano un concetto in un racconto, in una lezione di vita, in uno spazio ben delimitato dove poter sfogare la propria rabbia e l’abbandono che ci coinvolge, un modo per essere diversi in un mondo che ci vuole tutti uguali.

L’innocenza poi del disco è rappresentata dalla bambina, la bambina schiava, il popolo che lavora e che raccoglie i frutti della terra tra sonorità distaccate e a tratti psichedeliche dove la componente d’improvvisazione è ben dosata e ricercata.

Ricordiamoci di un mondo migliore o almeno immaginiamolo, ricordiamoci di quell’albero, con i tre cappi, qualcuno un giorno, su questa terra vi giudicherà.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.