Blessed child opera – The darkest sea (Seahorse recording)

Cupo è l’aggettivo che mi viene più spontaneo utilizzare per descrivere il nuovo progetto di Paolo Messere.

Quella cupezza che quasi a vista d’occhio si fa luce, un lontano crepuscolo che abbaglia ancora, per l’ultimo secondo, melodie che si lasciano trasportare, come un viaggiatore errante solcherebbe le onde del mare, sfiorando gli scogli impenetrabili dell’isola chiamata uomo.

Un disco ricco di atmosfera decadente dove il blues di “Nick Cave” si accavalla, in punta di piedi, al ramingo “Tom Waits”, dall’anima delicata, sensibile, imperscrutabile: pensiero moderno di un carillon del passato ancora funzionante.

I brani dimostrano una forte capacità di scrittura che accomuna la band “all’oltremanica” “Tom McRae”.

Dieci tracce per un album immacolato, dove l’ascoltatore può immergersi in temibili profondità senza voler ritornare, ma cercando una strada per una nuova vita.

Un LP che accontenterà i solitari carenti di quella musica che splende di luce propria, così difficile da trovare in questi tempi oscuri e propria come questa.

 

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.