Bastille – The National – LIVE Report – Pistoia Blues 2016 – 11/12 Luglio – Indiepercui

Qualche giorno in Toscana e beccarsi anche un paio di concerti al Pistoia Blues, non è da tutti, anzi è una fortuna consegnata in mano a pochi, una possibilità, oltretutto magnifica di viaggiare per terre dove la musica e il buon cibo sono di casa e soprattutto dove le bellezze architettoniche fanno da scenario complementare ai suoni di un palco che per l’occasione nelle serate dell’11 Luglio e del 12 Luglio ha ospitato grandi nomi del panorama musicale internazionale: i poppeggianti Bastille con in apertura i Kelevra, già band recensita su queste pagine virtuali e la sera seguente Father John Misty ad aprire per l’indie rock band americana The National.

Il centro di Pistoia ospita, quest’anno, la 37° edizione di un festival che nel corso del tempo ha saputo intensificare la proposta accontentando vari estimatori di musica, da quella più semplice e orecchiabile,  all’introspezione sonora, fuori dalle canoniche regole del mercato, cercando di avvicinare l’idea di evento a 360° atteso non solo a livello regionale, ma anche e soprattutto nazionale pensando ad un connubio tra musica e arte che solo pochi Paesi nel mondo si possono permettere.

Kelevra – Bastille 11 Luglio 2016 – Pistoia Blues

Serata calda, troppo calda, arriviamo con l’auto, si parcheggia al Cellini, comodo parcheggio ad 1 km dal centro, il tempo per ritirare i pass e mangiare qualcosa e ci fiondiamo nell’area concerti, testa a sbirciare la piazza e con non troppa sorpresa migliaia di adolescenti pronte ad ammirare la band del singolo strappa cori Pompeii.

Ad aprire i Kelevra con il loro pop trascinante e sintetizzato, congegnale alla serata, ma non troppo, in quanto carico di testi mai banali e una capacità di stare sul palco, direi invidiabile per una band così giovane e assetata di futuro da assaporare.

Ore 22.00 salgono i Bastille, band londinese che si è imposta nel corso degli anni grazie a fortunati singoli e pronta a sfornare, quest’autunno, un nuovo disco dal titolo Wild world, che grazie a canzoni di facile appeal, già ascoltate nel live, si dimostrerà capace, senza ombra di dubbio, di farsi strada tra i nuovi tormentoni del momento.

Il set sul palco comprende un efficace schermo dove le proiezioni di ottima fattura scorrono in loop emozionando la platea di giovani e agguerrite fan che si lanciano nei classici: sei bellissimo e we love you dedicati al frontman, tra selfie all’ultimo grido e canzoni cantate a memoria. Musicalmente i nostri sanno il fatto loro, una scaletta breve, un’ora e trenta di concerto, ma allo stesso tempo tirata a dovere, dove classici pezzi come Bad Blood, Laura Palmer e Things we lost in fire sono alternati dalla cover di TLC, No scrubs e da una Of the night, cover di Corona, presente nel loro primo album e suonata nel finale a preannunciare una perfetta Pompeii per un concerto per così dire radiofonico, senza imperfezioni, il disco tale e quale per come si presenta senza aggiungere nulla di nuovo ad una dimensione live che meriterebbe però di essere ampliata.

Is this the reeboks or the nike no cioè This is the rhythm of the night e si torna a casa canticchiando.

 

Setlist Bastille

Bad Blood / Laura Palmer  / Send Them Off / Things We Lost in the Fire / These Streets /Blame / Overjoyed / Weight of Living, Pt. II / No Scrubs (cover TLC) / The Currents / Good Grief / Flaws / Oblivion / Laughter Lines / Lesser Of 2 Evils / Icarus / The Draw / Of the Night / Pompeii.

Father John Misty – The National 12 Luglio 2016 – Pistoia Blues

Ben altro livello musicale la sera seguente, dove a calcare il palco del Pistoia Blues, troviamo due tra le più rappresentative band americane in circolazione, entrambe di passaggio in Italia, Father John Misty per un set anticipato, conteso ed elettrico, spruzzato dal folk e dal blues, in un itinerario complesso di musica targata ’70, ma proiettata al futuro, un fascino indiscutibile e una capacità che si consuma e rinasce, che si apre e si chiude tra pezzi come When you’re smiling and astride me , il capolavoro Bored in the USA, passando per le perle di True affection e il finale di Ideal husband, il pubblico è numeroso, molto numeroso, risponde e si sente, ad incrementare il calore già presente nell’aria.

Puntuali alle 21.30 i The National, spigolosi e concentrici lasciano la grandezza della loro carriera alle spalle per consumarsi in un live di due ore commosso e sentito, visibilmente fragile e dimesso, con Matt Berninger che cammina grattandosi la testa sul palco, pensando, riflettendo, in una narrazione musicale che strappa applausi sinceri, un’unica data nel nostro Paese che ha tutto il sapore della magia e delle cose migliori, gavetta e riconoscimenti, sudore e adrenalina, tra canzoni tratte dai numerosi dischi alle spalle e altre attraenti novità, fino alla fine, fino al bagno tra la folla con Terrible love e poi ancora in acustico l’ultima indissolubile Vanderlyle crybaby geeks, con tutto il pubblico di Pistoia a cantare nel lasciare la propria casa, cambiare nome e vivere la propria vita da soli; un live che porta con sé il sapore di un altro tempo per una band più commossa di noi nel partecipare a tutto questo splendore.

Oggi si scollina per la Porretana, da Pistoia fino a Bologna e poi autostrada fino a casa, qui nell’Alto vicentino; salendo la cima del colle, ogni tanto giro la testa e guardo Pistoia che si rimpicciolisce ai miei occhi, fino a diventare un piccolo puntino, sorrido.

Father John Misty Setlist
Hollywood forever cemetery sings / When you’re smiling and astride me / Only son of the ladiesman / Nothing good ever happens at the goddamn thirsty crow / Chateau Lobby #4 (in C for two virgins) / Bored in the USA / Holy shit / True affection / I’m writing a novel / I love you, honeybear / Ideal husband

The National Setlist
Dont swallow the cap / I should live in salt / Sea of love / Bloodbuzz ohio / Sometimes I don’t think  / The day I die / Hard to find / Peggy-o (Grateful Dead cover) / Afraid of everyone / Squalor Victoria / I need my girl / This is the last time / Find a way / The lights / Slow show / Pink rabbits / England / Graceless / Fake empire / About today

Encore

I’m gonna keep you / Mr November / Terrible love / Vanderlyle crybaby geeks

Foto: Gabriele Acerboni / Marta Colombo

Testi: Marco Zordan

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Live Report e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.