Bang bang vegas – Party Animals (Autoproduzione)

Animali da palcoscenico sguinzagliati a mordere a suon di note un’energia isterica e contagiosa, quella della potenza di fuoco espressa nella musica anni ’70 quella che ti faceva ballare, sudare ed espellere il momento a suon di incontrollate vibrazioni e riff satanici. I Bang bang vegas sanno il fatto loro, lo si intuisce già dall’intro della title track, riescono a catalizzare il momento per estenderlo e farlo ansimare di fugace osservazione grazie ad un suono che attinge in modo anacronistico il proprio valore direttamente dagli anni in cui tutto è partito, gli anni del rock e inconsapevolmente, forse, attraggono ancora folte schiere di estimatori con pezzi che parlano del bisogno di vivere, delle strade infinite da percorrere e della libertà sempre più in costruzione, sempre più in divenire, una libertà mai celata, mai nascosta, ma piuttosto esibita a pieni polmoni in pezzi come Single, Sweetest crime o la finale I wanna be rich, senza nascondersi mai e soprattutto inglobando la lezione del tempo riuscendo poi ad espellerla in tutto il suo mirabile splendore.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre…anche se qui ci si mette il cuore.
Recensiamo i Vostri Lavori.
Ascoltiamo tutto tranne ska, reggae, hip hop metal e derivati.
Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno.
Cerchiamo di recensire tutti i lavori che ci arrivano.
*** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTO con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento.
Contatti [email protected]
RECENSIAMO SOLO MATERIALE FISICO. L’indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.

Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.