Bakemono – A lullaby for the death (29R / Sciroppo Dischi)

Canzoni da ascoltare con le coperte sopra al naso, canzoni che ti cullano e lasciano desiderare mondi lontani e inarrivabili, capaci di entrare nella materia del sogno attraverso un’arte astratta che si concepisce come tale proprio quando sentiamo da lontano provenire un suono di chitarra acustica a scaldare le pareti domestiche prima che diventi buio. Il progetto del cantautore Bakemono si amplia e si amplifica grazie ad un’edizione curata dalla fotografa romana Sofia Bucci, un’edizione elegante e sopraffina che scardina i costrutti del passato per dare senso e valore al materico, alla percezione di un qualcosa che va oltre il mero scaricare un file mp3. Per la ristampa del primo disco di Bakemono infatti sono presenti, all’interno del packaging, numerose fotografie, un poster con un racconto e altre succose scoperte capaci di dare senso maggiore ad un album introspettivo che incorpora l’importanza di un Damien Rice migliore e l’esigenza di un Tom Mcrae di raccontare la propria fine del mondo rimanendo comodamente seduti sul proprio divano di casa, attraversando in contemporanea immaginifici paesaggi come nella bellissima Please, please leave me alone a segnare tracce che si perdono nella potenza emotiva di un dolce sogno.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Folk, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.