Babbutzi Orkestar – Babbutzi Orkestar (Autoproduzione)

L'immagine può contenere: una o più persone

Suoni contagiosi e irruenti capaci di far alzare i piedi per poter ballare fino a notte inoltrata, un connubio inesauribile di stile che direttamente dalla penisola balcanica prende la giusta linfa vitale per portare sulle nostre tavole piatti sonori di vivace allegria contagiosa mai banale, ma piuttosto ragionata e servita con classe da vendere. La Babbutzi Orkestar è tornata abbastanza carica direi, con un suono definito da loro stessi Crossover da osteria perché riesce in qualche mondo ad unire in un’unica commistione vivacità e folclore combattivo in un vortice dall’approccio punk inesauribile e preponderante. Importanti pezzi come ChikyChiky e Tony Makkeroni non passano di certo inosservati, anzi consegnano all’ascoltatore una prova densa e irriverente per cinque brani in totale che si lasciano trangugiare come otre di vino. Il risultato è un suono avvolgente che ambisce a diventare un punto fermo, ma nel contempo in evoluzione per la band milanese che sa di continuo reinventarsi affacciandosi sul mare delle produzioni odierne con giusta arguzia e con una formula sensibile, divertente e ampiamente collaudata. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Folk e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*