Atlanto – Futuri parziali (VREC)

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Pop sospeso su sferzate di magia elettronica che si stagliano all’orizzonte e lasciano in bocca un gusto dolce amaro di semplicità nascosta nelle strutture create per l’occasione. Ritornano gli Atlanto, ritorna la band vicentina dopo anni di silenzio. Ritorna con un disco pensato per abbracciare sonorità di facile appeal con testi che parlano di quotidianità e romanticismo, a tratti troppo prevedibile, ma nel complesso in grado di dare alla forma canzone un gusto personale, un gusto che è diventato ricerca lungo le strade del tempo passato ad aspettare. Nei tre singoli principali Dimmi che mi vuoi di più, Un pomeriggio al sole, Ma come passa il tempo c’è lo zampino di Matteo Cantaluppi. Gli intrecci melodici tra chitarra e pianoforte ricordano gli ultimi Coldplay, quelli più popolari e radiofonici, passando poi inevitabilmente per band come The Giornalisti, La fame di Camilla o i Negramaro. Futuri parziali è un buon disco, ricercato nei suoni e nei colori sviluppati lungo l’ascolto. Forse manca quel tocco di originalità in più, ma son convinto che in chiave live sapranno differenziarsi dalla miriade di band simili in circolazione. Gli Atlanto sanno suonare e solo questo forse conta.   


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.