Angela Kinczly – Tense Disorder (Neurosen/SRI Productions)

 

Disco esistenzialista che dipinge paesaggi sonori di rara bellezza coadiuvati da un mix di elettronica preponderante che ricorda le infinità concentriche di gruppi come Amycanbe e Radiohead in quattro pezzi di una bellezza che si fa sostanza e apre la strada a soddisfazioni estemporanee magnifiche e compresse, eleganti e armonizzate, dove l’esistenza e il guardarsi dentro prendono il sopravvento in un vortice che si apre con la title track Tense Disorder fino a riprodurre un’angoscia quasi soffocante che si avverte sempre più nelle altre tracce presenti per un silenzio impercettibile in Spies, passando per Dark Secret Love e la meraviglia dell’attimo in A notion, un disco che ha il sapore veramente delle cose migliori, del pop incrociato ai sogni del momento che rielabora concetti esistenziali, rinnovandoli, facendo assaporare all’ascoltatore quel gusto dell’immaginario ricreato che qui si immola a sostanza per attimi sempre più reali e cangianti.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Elettronica, Indie Pop e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.