Amusin’ Projects – Mistery in the making, Vol. 2 (Autoproduzione)

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Hip hop futuristico e sospeso che sa usare l’intelletto per unire in modo del tutto personale e convincente musica proveniente da ogni sorta di angolo del mondo in un sodalizio con il jazz e l’improvvisazione che trova in questo disco un punto di contatto con un qualcosa di davvero alto e convincente. Amusin’ Projects racchiude un’idea di Arsen Palestini, rapper romano che ha deciso, dopo numerosi dischi pubblicati, di avvicinarsi all’inglobante visione d’insieme di trovare interesse e senso alla sua missione musicale inglobando numerosi artisti, beatmaker, produttori, musicisti per creare questo EP. Un disco compatto che suona spiazzante, ma nel contempo reale. Paesaggi urbani si muovono indisturbati nel creare momenti di geometrie attuali, momenti in cui ogni singolo pezzetto sembra trovare il giusto luogo in cui sopravvivere. Da Lovedown fino a Bring back the meaning rap il nostro riesce a riunire momenti chiari e momenti oscuri in un insieme concentrico e omogeneo di sperimentazione.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.