Archivi del giorno: Aprile 22, 2019

IKE – Construction Site (IRMA Records)

Suoni concentrici che ammaliano attraverso un’elettronica che diventa cantautorato e collaborazioni a dismisura nei sentieri della vita. Musica che non ricopre i confini, ma piuttosto diventa essa stessa linea di demarcazione capace di inglobare un’intera generazione per poi trasformarla in … Continua a leggere

Pubblicato in Elettronica, Folk, Indie Pop | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Frigo – Non importa (La Clinica Dischi)

Poppetino moderno e ben suonato che parla di quotidianità e trasforma la vita di tutti i giorni in pensieri musicali che cercano un baricentro quando un centro non esiste più. Il disco del progetto Frigo accomuna la passione per i … Continua a leggere

Pubblicato in Indie Pop | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

JM – Uno (Jap Records)

Rap sudato ed eviscerato a dovere. Lontano dalla trap di basi preconfezionati e testi inascoltabili. Uno è un disco immediato, ma complesso. Un album fatto da un giovanissimo musicista che ha scelto la via meno immediata per fare successo. Canzoni … Continua a leggere

Pubblicato in Alternative Rock, Avanguardie, Indie Pop | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Leon Seti – Cobalt (Autoproduzione)

Solitudine sonora incentrata sull’abbandono e sulla carica esplosiva che riesce a dare vita ad un’elettronica d’autore emozionale e introspettiva. Il disco di Leon Seti parla di paure e bisogni di appartenenza, parla di sradicamento interiore e pulviscolo atmosferico che diventa … Continua a leggere

Pubblicato in Elettronica | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Bye bye Japan – In the cave (D Cave Records)

Rock che si trascina nelle elucubrazioni di questo tempo e stampa quadri d’autore che diventano canzoni e chiedono di uscire dalla tela di questa nostra quotidianità. In the cave è un risultato che deriva dall’aver affinato nel corso del tempo … Continua a leggere

Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

K’IN:232 – Quetzal (Autoproduzione)

Emozioni musicali colorate da quadri e accessori che si stagliano all’orizzonte ricreando cieli d’infanzia che evolvono e si fanno fotografie per un futuro che attende. Il disco dei K’IN:232 parla al cuore, parla con poesie di un’epoca lontana rievocando l’America … Continua a leggere

Pubblicato in Alternative Rock, Indie Pop | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Orizzonte delle genti – Come un gregge (Zenith Recordings)

Sensazioni viscerali che si esprimono attraverso canzoni che abbracciano la migliore canzone d’autore italiana da Lolli a De André passando per una contemporaneità che non segue le mode, ma che piuttosto trova all’interno delle visioni create un senso di abbandono, … Continua a leggere

Pubblicato in Alternative Rock, Musica d'autore | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Surikate – Don’t listen and drive! (Autoproduzione)

Sonorità alternative estrapolate a dovere all’interno di una musica al limite dello scibile umano. Sonorità contorte racchiuse all’interno di un mondo che si fa sostanza multiforme e cangiante, ricca di situazioni e di possibilità da assaporare. Il disco dei Surikate … Continua a leggere

Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Sicko – Sicko (Autoproduzione)

Distorsori atomici che riportano inevitabilmente la mente e il pensiero ad un passato musicale che ora non esiste più. I Sicko confezionano un dischetto davvero fresco e coinvolgente carico di potenza incontrollata e quell’amaro gusto che diventa amore per gli … Continua a leggere

Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento